IL VANGELO DELLA DOMENICA

VANGELO DI DOMENICA 5 APRILE 2020

Passione di nostro Signore Gesù Cristo secondo Matteo.

- Sei tu il re dei Giudei? In quel tempo Gesù comparve davanti al governatore, e il governatore lo interrogò dicendo: «Sei tu il re dei Giudei?». Gesù rispose: «Tu lo dici». E mentre i capi dei sacerdoti e gli anziani lo accusavano, non rispose nulla. Allora Pilato gli disse: «Non senti quante testimonianze portano contro di te?». Ma non gli rispose neanche una parola, tanto che il governatore rimase assai stupito. A ogni festa, il governatore era solito rimettere in libertà per la folla un carcerato, a loro scelta. In quel momento avevano un carcerato famoso, di nome Barabba. Perciò, alla gente che si era radunata, Pilato disse: «Chi volete che io rimetta in libertà per voi: Barabba o Gesù, chiamato Cristo?». Sapeva bene infatti che glielo avevano consegnato per invidia. Mentre egli sedeva in tribunale, sua moglie gli mandò a dire: «Non avere a che fare con quel giusto, perché oggi, in sogno, sono stata molto turbata per causa sua». Ma i capi dei sacerdoti e gli anziani persuasero la folla a chiedere Barabba e a far morire Gesù. Allora il governatore domandò loro: «Di questi due, chi volete che io rimetta in libertà per voi?». Quelli risposero: «Barabba!». Chiese loro Pilato: «Ma allora, che farò di Gesù, chiamato Cristo?». Tutti risposero: «Sia crocifisso!». Ed egli disse: «Ma che male ha fatto?». Essi allora gridavano più forte: «Sia crocifisso!». Pilato, visto che non otteneva nulla, anzi che il tumulto aumentava, prese dell’acqua e si lavò le mani davanti alla folla, dicendo: «Non sono responsabile di questo sangue. Pensateci voi!». E tutto il popolo rispose: «Il suo sangue ricada su di noi e sui nostri figli». Allora rimise in libertà per loro Barabba e, dopo aver fatto flagellare Gesù, lo consegnò perché fosse crocifisso. - Salve, re dei Giudei! Allora i soldati del governatore condussero Gesù nel pretorio e gli radunarono attorno tutta la truppa. Lo spogliarono, gli fecero indossare un mantello scarlatto, intrecciarono una corona di spine, gliela posero sul capo e gli misero una canna nella mano destra. Poi, inginocchiandosi davanti a lui, lo deridevano: «Salve, re dei Giudei!». Sputandogli addosso, gli tolsero di mano la canna e lo percuotevano sul capo. Dopo averlo deriso, lo spogliarono del mantello e gli rimisero le sue vesti, poi lo condussero via per crocifiggerlo. - Insieme a lui vennero crocifissi due ladroni Mentre uscivano, incontrarono un uomo di Cirene, chiamato Simone, e lo costrinsero a portare la sua croce. Giunti al luogo detto Gòlgota, che significa «Luogo del cranio», gli diedero da bere vino mescolato con fiele. Egli lo assaggiò, ma non ne volle bere. Dopo averlo crocifisso, si divisero le sue vesti, tirandole a sorte. Poi, seduti, gli facevano la guardia. Al di sopra del suo capo posero il motivo scritto della sua condanna: «Costui è Gesù, il re dei Giudei». Insieme a lui vennero crocifissi due ladroni, uno a destra e uno a sinistra. - Se tu sei Figlio di Dio, scendi dalla croce! Quelli che passavano di lì lo insultavano, scuotendo il capo e dicendo: «Tu, che distruggi il tempio e in tre giorni lo ricostruisci, salva te stesso, se tu sei Figlio di Dio, e scendi dalla croce!». Così anche i capi dei sacerdoti, con gli scribi e gli anziani, facendosi beffe di lui dicevano: «Ha salvato altri e non può salvare se stesso! È il re d’Israele; scenda ora dalla croce e crederemo in lui. Ha confidato in Dio; lo liberi lui, ora, se gli vuol bene. Ha detto infatti: “Sono Figlio di Dio”!». Anche i ladroni crocifissi con lui lo insultavano allo stesso modo. - Elì, Elì, lemà sabactàni? A mezzogiorno si fece buio su tutta la terra, fino alle tre del pomeriggio. Verso le tre, Gesù gridò a gran voce: «Elì, Elì, lemà sabactàni?», che significa: «Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato?». Udendo questo, alcuni dei presenti dicevano: «Costui chiama Elia». E subito uno di loro corse a prendere una spugna, la inzuppò di aceto, la fissò su una canna e gli dava da bere. Gli altri dicevano: «Lascia! Vediamo se viene Elia a salvarlo!». Ma Gesù di nuovo gridò a gran voce ed emise lo spirito. (Qui si genuflette e si fa una breve pausa) Ed ecco, il velo del tempio si squarciò in due, da cima a fondo, la terra tremò, le rocce si spezzarono, i sepolcri si aprirono e molti corpi di santi, che erano morti, risuscitarono. Uscendo dai sepolcri, dopo la sua risurrezione, entrarono nella città santa e apparvero a molti. Il centurione, e quelli che con lui facevano la guardia a Gesù, alla vista del terremoto e di quello che succedeva, furono presi da grande timore e dicevano: «Davvero costui era Figlio di Dio!».

Parola del Signore.




AVVISI PROSSIMA SETTIMANA



ORARI CELEBRAZIONI SU ZOOM IN VIDEO CONFERENZA CON LA PARROCCHIA SAN TOMMASO APOSTOLO:
Vi invito a passare insieme questa settimana Santa e il Triduo Pasquale, anche se sarà una Settimana del tutto atipica. In questo momento così particolare della nostra storia, come cristiani siamo chiamati, sull’invito del nostro papa Francesco, alla preghiera, con la S. Messa in video conferenza abbiamo la possibilità comunque di un saluto, di una battuta, di una bella risata e un semplice sorriso e di scambiarci gli auguri di buona Pasqua. Pubblicheremo le informazioni e i passaggi per poterci raggiungere tramite la rete. Inoltre, vi rivolgo un altro invito: potete partecipare attivamente alla liturgia come lettori oppure tramite la preghiera dei fedeli potete esprimere al Signore, nella S. Messa, le vostre intenzioni particolari per questo periodo di prova dove tutti insieme ci troviamo sulla stessa barca. Per chi desidera partecipare basta che mi contatti. Un caro abbraccio a tutti don Domenico.
• 4 APRILE SABATO S. MESSA ORE 10:00 FERIALE
• 5 APRILE DOMENICA DELLE PALME E DELLA PASSIONE DEL SIGNORE S. MESSA ORE 10:00
SETTIMANA SANTA:
• 6 APRILE LUNEDI’ SANTO S. MESSA ORE 17:00
• 7 APRILE MARTEDI’ SANTO S. MESSA ORE 17:00 - VEGLIA DI PREGHIERA A SAN FILIPPO NERI ORE 21.00
• 8 APRILE MERCOLEDI’ SANTO S. MESSA ORE 17:00
• 9 APRILE GIOVEDI’ SANTO S. MESSA NELLA CENA DEL SIGNORE ORE 17:00
• 10 APRILE VENERDI’ SANTO CELEBRAZIONE DELLA PASSIONE DEL SIGNORE ORE 17:00
• SEGUIAMO INSIEME LA VIA CRUCIS DI PAPA FRANCESCO ORE 21:00 SU RAI 1 O TV 2000
• 11 APRILE VEGLIA PASQUALE NELLA NOTTE SANTA S. MESSA ORE 21:30
• 12 APRILE DOMENICA DI PASQUA – RESURREZIONE DEL SIGNORE S. MESSA ORE 10:00
• 13 APRILE LUNEDI’ DELL’ANGELO S. MESSA ORE 10:00

Per contattare don Domenico:
tel: 055/9149003
cell: 339/4396484
e-mail: parrocchias.tommaso@gmail.com





PREGHIERA PER LA COMUNIONE SPIRITUALE


Gesù mio,  io credo che sei realmente presente  nel Santissimo Sacramento.
  Ti amo sopra ogni cosa  e ti desidero nell' anima mia. 
  Poiché ora non posso riceverti  sacramentalmente,  vieni almeno spiritualmente  nel mio cuore.
  Come già venuto,  io ti abbraccio e tutto mi unisco a te; non permettere che mi abbia mai  a separare da te.
 Silenzio…
Eterno Padre, io ti offro il Sangue Preziosissimo di Gesù Cristo  in sconto dei miei peccati,  in suffragio delle anime del purgatorio  e per i bisogni della Santa Chiesa.




Calendario delle Celebrazioni Liturgiche della Settimana Santa presiedute dal Santo Padre Francesco (Aggiornamento)

In seguito alla straordinaria situazione che si è venuta a determinare, a causa della diffusione della pandemia da COVID-19, e tenendo conto delle disposizioni fornite dalla Congregazione del Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti, con Decreto in data 25 marzo 2020, si è reso necessario un aggiornamento in relazione alle prossime Celebrazioni Liturgiche presiedute dal Santo Padre Francesco: sia in ordine al Calendario, sia in ordine alle modalità di partecipazione.
Si comunica, pertanto, che il Santo Padre celebrerà i Riti della Settimana Santa all’Altare della Cattedra, nella Basilica di San Pietro, secondo il seguente calendario e senza concorso di popolo:
5 aprile 2020, ore 11. Domenica delle Palme e della Passione del Signore. Commemorazione dell’ingresso del Signore in Gerusalemme e Santa Messa.
9 aprile 2020, ore 18. Giovedì Santo. Santa Messa nella Cena del Signore.
10 aprile 2020 Venerdì Santo ore 18: Celebrazione della Passione del Signore
ore 21: Via Crucis (sul Sagrato della Basilica di San Pietro)
11 aprile 2020, ore 21. Sabato Santo. Veglia pasquale nella notte santa.
12 aprile 2020, ore 11. Domenica di Pasqua – Risurrezione del Signore. Santa Messa del giorno
Al termine della Santa Messa il Santo Padre impartirà la Benedizione «Urbi et Orbi».





NEWS ED EVENTI